menu Home chevron_right


Artista


Questa canzone di BRAI indubbiamente è una ventata di aria fresca rispetto a quello che il panorama musicale Italiano ci offre: Chitarre distorte, batterie veloci, synth acidi ma dalla cadenza vocale quasi rap. E’ una canzone con un titolo accattivante: sembra quasi che Davide chieda all’ascoltatore di urlare la propria rabbia insieme a lui…

Se il titolo può essere definito accattivante il testo è qualcosa di più; Colpisce senza dubbio l’attenzione di chi ascolta ma soprattutto ci regala un significato profondo e intimo che non può passare inosservato. Possibilità di spaziare con la mente e di elaborare riflessioni senza nessun filtro, riuscire a trasmettere a chi ascolta un briciolo delle stesse emozioni di cui si nutre lui stesso mentre compone, estraniare e sfogare: in un certo senso sente la necessita di comunicare con tutti noi attraverso la sua musica. In questo brano Brai tratta argomentazioni come l’odio verso i MEDIA, la stupidita’ umana, l’amore verso le stelle, gli alieni; Inneggia costantemente il ripudio verso questo sistema di maiali corrotti sotto la quale siamo obbligati a stare e tutto ciò che di complottistico possa esistervi al suo interno.

..Riflessioni indotte dalla freddezza e un’autoironia dalla collera.. Trova spesso ispirazione osservando schifato le persone ma allo stesso tempo dice di cantare anche l’amore. Un’ amore che forse e’ esistito ma oramai finito o un’ amore solo verso l’idea di essere amati…? Pensa, Compone e Registra


Profili social





MODULO DI CONTATTO 

Facci ascoltare la tua demo, se ne hai già una! 





play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play