menu Home chevron_right
Comunicati STAMPANews

“Lettere” è la nuova canzone dei LAMAREA

Music Alive | 13 Febbraio, 2020

Dopo l’uscita di “Respiro” (Dcave Records) del gennaio dello scorso anno, il 10 Febbraio i LAMAREA ritornano con una nuova canzone intitolata “Lettere”. Un brano che “nasce dall’amore per una persona , ma anche dall’amore per se stessi.”

LAMAREA nasce nel 2014 dall’amore ineluttabile di cinque ragazzi toscani per la musica.

Nel 2017 è anche l’anno dell’incontro con Daniele Grasso, noto produttore artistico che vanta collaborazioni con artisti del calibro di Afterhours, Greg Dulli, Cesare Basile. I LAMAREA l’anno dopo entrano ufficialmente nello storico The Cave Studio di Catania per iniziare la realizzazione di “Respiro”, il secondo album che vedrà la luce nel Gennaio 2019 per The Kids Are Alright (Dcave records) con la produzione artistica di Daniele Grasso.

Nel Luglio 2018 e 2019 partecipano al prestigioso Festival Gaber all’evento “Le strade di notte” organizzato da Gian Piero Alloisio (autore di canzoni per importanti artisti come Guccini, Morandi , Jannacci) presentando il brano “L’illogica allegria” e “Non insegnate ai bambini” Gaber/Luporini. Nel Giugno 2019 arrivano alla Finale Nazionale di Sanremo Rock suonando su uno dei palchi più importanti d’Italia, l’ Ariston di Sanremo. Nell’estate del 2019 Alessandro Domenici intraprende la carriera artistica da solista e Filippo Rocchi il bassista, diventa il nuovo cantante della band. In questi anni di attività live, album e collaborazioni molte sono cambiate, con questo brano vogliono aprire un altro capitolo della loro storia e dare il via ad una nuova avventura.

Filippo (cantante e bassista) << “Lettere” nasce dal bisogno di comunicare qualcosa di reale, di non stereotipare i sentimenti e le emozioni, in un mondo ormai fermo sulla superficie delle cose. É un invito a prendere una penna e scrivere qualcosa di sentito, di reale, che rimane.
Nasce dall’amore. Dall’amore per una persona ma anche dall’amore per se stessi.
Un amore non finisce, non si interrompe anche se alle volte può finire un rapporto. E lettere esorta a scrivere, a cercare di migliorare insieme, a voler superare gli ostacoli dell’amore, le prove che esso pone insieme. >>

Lettere – Testo

Ti aspetterò, ti aspetterò,

ti aspetterò con gli occhi chiusi

e da lontano sentirò che arrivi

e ci prometteremo di restare i soli

ad andare più in là

andare più in là

Ti aspetterò, ti aspetterò,

ti aspetterò perché non c’è momento

che sia sprecato anche se sto sognando

di starti accanto mentre stai dormendo

e mi spingi più in là

mi spingi più in là

Ritorneremo, ritorneremo

ritorneremo a scriverci le lettere

perché è importante quello che ti voglio dire

per dare un senso a queste attese che non fanno male

E impareremo, impareremo

a non ferirci quando fuori piove

a prenderci le mani se non stiamo bene

a respirare senza far rumore

Ti aspetterò, ti aspetterò

ti aspetterò come il mattino aspetta il sole

per far brillare tutto questo mio dolore

perché tu sai curarmi senza cancellare

e mi spingi più in là

si, mi spingi più in là

Ritorneremo, ritorneremo

ritorneremo a scriverci le lettere

perché è importante quello che ti voglio dire

per dare un senso a queste attese che non fanno male

E impareremo, impareremo

a non ferirci quando fuori piove

a prenderci le mani se non stiamo bene

a respirare senza far rumore

Ti aspetterò, ti aspetterò

ti aspetterò come si aspetta un figlio

con la paura che poi cambi tutto

ma con l’amore che ti prende in braccio

e ti spinge più in là.

Credits – Lettere

Riprese e Montaggio : Time Dark (Lorenzo Francesconi e Niccolò Benedetti)

Audio e Mixing : Filippo Rocchi

Voce e Basso : Filippo Rocchi

Batteria e Pad : Matteo Mastromei

Chitarra Elettrica : Lorenzo Benassi

Chitarra Acustica : Lorenzo Mastromei

Pubblicato da Music Alive

Commenti

Questo post attualmente non ha commenti.

Lascia una risposta





MODULO DI CONTATTO 

Facci ascoltare la tua demo, se ne hai già una! 





play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play